2018/01/22

ANTONIO SALIERI MUSICIAN (in ENGLISH)

Antonio Salieri

                                                                   di Gino Carbonaro
                                         Tr.  in English  prof. Douglas Ponton

     Antonio Salieri, musician,  was born in Legnago (Verona) in 1750. Died in Vienna in 1825. He was "Kapellmeister" and "Court Composer" at the Habsburgs. Famous in his day, had as pupils Beethoven, Schubert, Liszt, Meyerbeer, Czerny, and the son of Mozart, Franz Xavier Wolfgang.

     The Habsburgs, who held him in high regard, in 1778 commissioned him to compose "Europe recognized" opera with which it opened the Theater "La Scala" in Milan.

     Salieri è presente in the film “Amadeus” by Milos Forman, which tells the life of Mozart. In Vienna of the time, the Czech Director presents an imperial court lazy, dull, sleepy, whose favorite music died, it would be then that of Salieri, but could not understand the greatness of Mozart.

     And yet, in a final step of the film, Salieri is passed as responsible for the death of the great musician of Salzburg. The damage done to the figure of the composer of Legnago, by this director, and as a whole, by Peter Shaffer scriptwriter, and producer Zaentz, was inexcusable.

    The film in question, emphasized the greatness of Mozart on the one hand, and the dull malice and envy of a man who would have employed assassination to eliminate the hated rival. Findings of the more serious because not justified, as we shall see, and not tried.

The injury of Antonio Salieri

  
  Today, Antonio Salieri is known almost only musician in the world of professionals. He is known, but not much studied. And, what is known about him comes to us indirectly, by reading some biography of Mozart. Always, though, someone has had the suspicion that anything negative is handed down today on behalf of Salieri was the result of suspicion and backbiting that after Mozart's death someone has circulated to art in Vienna in time.

      A comparison with Mozart, the judgment of Antonio Salieri was not always positive. Mozart was the divine, the genius, the right hand, while Salieri was presented as opportunistic character, almost evil, and left with a halo.

    Clearly nell'accingerci to listen again after centuries Salieri's music was subjected to an "inference" that disturbs the serenity of judgment. And it is clear that, if you want to be objective in listening, you have to remove the boulder in a decisive manner the pre-judgment that lurks within us. Clean the slate of mind from any possible interference. And this is not easy.

     To enter the world of our author, you must first understand why the imperial court of the Hapsburgs had appointed Antonio Salieri, "Kammercomponist" Composer of the Court, in preference to other musicians that history has then filtered as worthy of fame.

Some hesitancy

     The question that arises is the following: they were really clueless these protagonists of the Habsburg court, which among other things were great listeners of music? (1) Our reference is the Empress Maria Theresa of Austria, who in 1774 appointed the "twenty-four" Kapellmeister Salieri, giving for years to come the task of composing "Europe recognized", opera by which August 3, 1778 was inaugurated in Milan the "New Royal Ducal Theatre", ie the current "La Scala".

          At the time, Salieri is only 28 years old.

The question still remains, if it was just as incompetent Emperor Joseph II, a great lover and patron of the opera, which in 1786 named him "Kammercomponist" Composer of the Court, and in 1788 he wanted to reward him with a gold medal for the ' It works "Axur king of Ormus", considered in his opinion "the best opera ever composed." And was the highest of honors.

      And 'a must wonder, which jealousy could have from a musician Mozart esteemed and protected by the Emperor of Austria, and more highly decorated? And one wonders why, at the first of the "Magic Flute" (Die Zauberflöte) "(1791), two months before his death, Mozart wrote the following letter to his wife Constanze, who's pregnant sixth son (Franz Xavier Wolfgang ) he was at the spa of Baden bei Wien:

 "Beloved wife,

     Yesterday, at six I went to take Salieri and Katherina Cavalieri (famous soprano note) and I brought them into the stage. You can not imagine how they were both kind, how they liked not only my music, but the booklet and the whole. They said it is a work worthy of being represented on the occasion of the most solemn holidays in front of the greatest monarchs, and that certainly would have revised other times, never having seen a show nicer and more pleasant. He (Salieri) listened and watched carefully, and the last symphony chorus there was no song that he has not torn a "good" or "good", and they never stopped to thank me for the pleasure I got them."

    The "Magic Flute" was inaugurated at the "Theater aut der Wieden" in Vienna on September 30, 1791. Mozart died two months later.

Relations between Salieri and Mozart

     Relations between the two musicians were formally cordial, Mozart and Salieri was very keen judgment, considered the musical expertise that was recognized by all and the status he derived from two prestigious roles within the Habsburg imperial court. And, as evidenced by a letter written to his wife, that being privately supposedly truthful.

   Good relations, therefore, confirmed by the fact that during the "nominations" to Master of composition (1786) Salieri had directed "The Marriage of Figaro" opera composed by Mozart soon. But, it will happen sometimes that Salieri direct works of Mozart, as well as 15 November 1790, on the occasion of the coronation of Leopold II, Holy Roman Emperor, when Salieri heads in church two sacred works of Mozart.



DA QUI --- However, in support of these appointments "Imperial" is a piece of news that can not be underestimated: the fact that Salieri was master of Schubert, Meyerbeer, Liszt [2], Czerny, and Beethoven (who dedicated three sonatas) , composers who were not the last to arrive in the music of all time. And except Schubert and Czerny, none of the above-named musicians was Austrian. In fact, Liszt was Hungarian, the other Germans were transferred to Vienna to take lessons of Salieri, as well as to reside in what was considered the cradle of musical culture of the time. But, we still know that Salieri gave music lessons and counterpoint at the same son of Mozart! [3]

Franz Xaver Wolfgang Mozart
1791-1844
Composer, Pianist, Conductor And,

If he gave lessons to Franz Xaver Wolfgang Mozart, who later became a composer, pianist and orchestra, it is clear that every rumor or suspicion negative on account of our not had come to the ears Constanze, his beloved wife of Mozart, who gave his son the great and recognized Kapellmeister, "after" the death of Mozart. If anything, it could be just the opposite: that the resentment (if ever there were) were just that of Mozart, always in financial straits (died 3000 florins debt) had to say when he found himself slipping in hand the task of master harpsichord Princess Wurttemberg. A post he was assigned to Salieri. Nevertheless, we must not forget that in a day of snow and frost that on December 5, 1791, in St. Stephen's Cathedral, Salieri was one of the few present at the funeral Mozart.

The scapegoating What then Mozart, always in poor health, he died because of a poisoning, it is probably true, but it was not of "arsenic water", as Wolfgang complained to his wife, but of "mercury" that doctors of the time prescribed with extreme lightness to their patients. Just remember the end of Niccolo Paganini (1782-1840) suffering from syphilis, and its common knowledge-based care "mercurial medicines", which slowly but surely harmful to the kidneys, causing the consequent poisoning of the patient. Yet, the medicine of the time prescribed mercury as a purgative, deworming, antiluetico, and even against lice, fleas and lice. A kind of antibiotic in the short time that cared, but in the long term carried the sick to the grave. Unbelievable but true, this drug a "miracle" was used in medicine until the early twentieth century, and for syphilis until the fifties of the last century (see, "barrels of Campailla" in Modica, Sicily). It took a long time before we understand what were the "effects"






                             FEDE, SPERANZA, CARITA’


                                      di Gino Carbonaro

     Fede, speranza, carità sono considerate “virtù” teologali. Princìpi etici (o parole vuote) che attengono soprattutto alle religioni. La terna dei valori fu assemblata da Paolo di Tarso che nella lettera ai Corinzi esorta i suoi seguaci a credere in quello che lui stesso andava predicando e in quello che aveva predicato Gesù: a credere nell’aldilà, nella esistenza che continua dopo la morte, nella esistenza degli angeli, del paradiso e dell’inferno, nella resurrezione dei morti e ancora a quello che aveva affermato Mosè, che sosteneva di essere salito sul Monte Sinai e che aveva ricevuto i comandamenti direttamente dalla voce di Dio.
    In buona sintesi, per vivere la religione, il cristiano deve avere Fede nelle cose che vengono dette, e speranza che quanto accettato per fede non sia una verità immaginata, cioè non-vera. Di necessità, poi, l’uomo di religione (il fedele) deve mettere in atto l’altra verità teologale: cioè la Carità, donando aiutando chi ha bisogno. 

     Va sottolineato che Paolo di Tarso parlava di carità, che implicitamente poneva un rapporto asimmetrico fra ricchi e poveri, escludendo il concetto di amore, che Paolo non recepiva dal Vangelo. 

    In verità, Gesù aveva esortato gli uomini a non chiudersi dentro la armatura dei propri interessi, e considerava necessario pensare ai bisognosi. Indispensabile alleggerirsi degli averi, “donare” agli altri ciò che era in sovrappiù. La frase passata poi alla storia recita: “Quod superest date pauperibus”. Come dire: "Ricordati che in questo mondo tu non sei nato solo per pensare a te stesso, ed è doveroso aiutare chi ha bisogno. Aiutalo, dunque, solo per quanto ti è possibile". È così che potrai essere accolto nel Regno dei Cieli. L’etica non è kantiana, perché si tratta di una sorta di “do ut des”, do per avere qualcosa in cambio (ricompensa nei cieli) mentre noi sappiamo che il dono non aspetta nulla di ritorno, neppure la riconoscenza. 

      Se per Gesù, il donare agli altri è una esortazione, per l’Islam è un dovere. La Zakat, la carità, come mezzo di purificazione dei peccati, viene tuttora imposta al fedele nella misura del 2,5 % del suo introito annuale. Il tutto sostenuto pur sempre dalla “Fede” in quello che detta e promette Maometto, nella speranza che ogni atto di carità avrà un ritorno nella misericordia divina. Carità non disinteressata, dunque, ma necessaria perché possano aprirsi le porte del paradiso islamico, per gustare la dolcezza delle bellissime e vergini Uri. 

Dittature e concetto di Fede

     Ma, a guardar bene, anche le Dittature poggiano la loro filosofia su terne di valori. (Il numero “3” parla da sé!)  

“Credere, obbedire, combattere”,

era il sintetico programma con il quale durante il “Ventennio” apparvero i primi murales e i primi “brainstorming” della storia.   Un vero assalto alla mente dell’“Uomo Qualunque”, per fissare programmi mentali di incondizionata ubbidienza e sottomissione al Potere, per creare bene nella mente di tutti, convinte adesioni a ciò che deve essere riconosciuto come vero e pertanto accettato. Si tratta di “Idee-valori” che poggiano sempre sul numero “3”, princìpi per i quali si ritiene degno vivere e passare alla storia. Verità che dovevano essere solo quelle che imponeva il Potere. 

       Ecco una delle verità  emanate dal fascismo..

“Meglio vivere un giorno da leone 
che cento anni da pecora”, 

principio necessario, subito concatenato con quello che afferma.. 

“Libro e moschetto studente perfetto”.

dove, la verità è garantita dalla rima baciata. Difatti, “moschetto” fa rima e si sposa perfettamente con “perfetto”. E ancora,

“Il vómere e la spada sono entrambi d’acciaio”,

principio che è certamente vero. E se questa è la premessa maggiore del sillogismo, può essere condiviso il fatto che

“L’aratro traccia il solco,
la spada lo difende”.

E può accettare l’idea che

“Il destino dell’Italia è affidato all’acciaio!” 

     Si tratta di messaggi che bombardano il cervello e si fissano nelle coscienze creando sistemi culturali fondati sulla “Fede” in qualcosa alla quale bisogna credere senza fare uso della ragione. Principi che come semi messi a dimora nella mente avrebbero dato i loro frutti (perversi?). 

     La ripetuta citazione del ferro e dell’acciaio fissava il concetto di un sempre possibile e necessario ricorso alle armi e di conseguenza alla guerra. La persuasione è implicita e occulta, realizzata per mezzo di slogan che hanno la connotazione del proverbio, da sempre considerato fonte di verità assoluta.

     Tutto ciò che il Potere pretende dai sudditi è la Fede in quelle presunte verità, che rendono gli umani parte di un progetto “superiore e divino”.   

    Gli stessi principi possono essere rilevati nel marxismo storico. Anche qui un bombardamento di slogan semplici, chiari e soprattutto di per sé evidenti come quello che recita:

“Non si può fare la rivoluzione 
con i guanti di seta”,

dove è esplicitamente detto che l’obiettivo del marxismo è la rivoluzione, dunque la guerra, per il necessario capovolgimento della realtà sociale.

     Si fissa qui il concetto che nel mondo politico o religioso l’obiettivo è quello di controllare le folle dei “fedeli” creando automi che credono incondizionatamente in quelle formule/verità, e le accettano senza verificare con il filtro della ragione che per l’occasione è stata portata all’ammasso?  Tutto merito della fede, cioè della fiducia che si ripone in chi comunica quelle verità.

      In tempi più vicini a noi è quello che proprio oggi si verifica nel Califfato o ISIS, là dove il potere è nella mani dell’islamismo radicale. 

     Una sola idea acquisisce la connotazione di un collante con cui vengono fissati i pensieri (ritenuti) ideali che vengono predicati  nelle moschee con intonazione e vestiario sacrale, presentati come verità volute da Dio e discese dal cielo, ai nuovi adepti che questi principi fanno propri.

     Tornando alla religione cristiano-paolina il vero credente è obbligato a recitare l’Atto di Fede, costituito da una sommatoria di dogmi non spiegabili (e, a rigor di logica, non credibili), che il vero cristiano deve accettare senza chiedere spiegazioni. 

     Dal “Credo niceno” (325 d.Cr.) il fedele deve credere..

1. … nell’uomo Dio: cioè che Gesù è (unigenito) figlio di Dio, ed è come tale Dio egli stesso .. e crede che lo sperma messo a dimora nell’utero di Maria era di un Dio di sesso maschile, che ha deciso di unirsi con una donna (poi Madonna) per motivi che bisogna ancora credere “per fede”, con ciò escludendo implicitamente che tutti gli altri esseri umani possano non essere figli di Dio.

2. … Deve inoltre credere (il fedele) che Maria era vergine pur essendo sposata con Giuseppe. Vergine prima del concepimento, durante la gravidanza, e subito dopo aver messo al mondo Gesù.

3. .. Deve credere (il fedele) che dopo la sua morte Gesù è disceso agli Inferi, di cui non è indicata la ubicazione, ma subito dopo, risuscitato, è salito in Cielo per sedere  alla destra di Dio Padre onnipotente, fissando il concetto che “Padre e Figlio”, entrambi maschi, stanno seduti e immobili a osservare gli eventi dell’Universo.  

4. .. Deve credere ancora nella esistenza di angeli, nella vita che continua dopo la morte, nella esistenza di un Paradiso, e credere ancora per fede a quello che hanno detto tutti  i profeti.

5. … E deve ancora credere (il fedele, sempre per fede) che la Chiesa è “Santissima” e Madre. Difatti, riferendosi a Lei si dice Santa Madre Chiesa. E che durante la celebrazione della messa accade ogni volta un incredibile miracolo: il vino che il sacerdote beve  si è già trasformato in sangue, e il pane (particola) che i fedeli mangiano è vera carne di Cristo. 

     In realtà, non si tratta di bugie, ma di “realtà immaginata”, miti inventati da chi ha avuto il potere di imporle come vere, e perciò credute “per fede”.  Realtà immaginata, ma difesa con tenacia, al punto che chi avanza l’arma del dubbio su questi dogmi ricade nella categoria degli  “infedeli”. Mis-credenti dunque che un tempo venivano processati, scomunicati e perseguitati (dalla Chiesa) e non di rado torturati e condannati a morte.  

     Ma, va ancora aggiunto che l’aggettivo-sostantivato  “infedele” è linguisticamente sinonimo di “infetto”, e le infezioni vanno logicamente combattute ed eliminate. 

     È chiaro che la quantità di fede richiesta al fedele per credere un diluvio di cose inspiegabili non può essere poca. Ma, così deve essere. Perché, sarà una tautologia, ma, per credere in cose incredibili bisogna usare concetti non-credibili.

     Va, però, ricordato che, fra tutti gli esseri viventi, proprio l’uomo è quello che è portato a credere senza chiedere prove o spiegazioni.

     L’uomo percepisce la precarietà del suo essere, sente di essere in balia di poteri sconosciuti, e sente la presenza occulta di Entità potentissime, che (si crede, sempre per fede)  premiano i buoni e puniscono i cattivi. Che premiano i fedeli  e puniscono gli infedeli. Ed è tanto il bisogno di entrare in contatto con questa (o queste) Entità in cerca di protezione che l’uomo si affida, confida e non diffida di coloro che appagano a parole i suoi bisogni inconsci. Da sempre tutta l’umanità ha visto apparire dal nulla stregoni, santoni, shamani, sibille e quant'altro pronti a sostenere di essere in contatto con Dio, pronti ad oracolare verità da credere per fede, dal momento che non potrebbero essere credibili diversamente. E gli uomini abboccano all’amo, rivolgendosi a questi santoni con arcano rispetto, ricoprendoli di danaro e di doni che mettono in atto il concetto di carità, dal momento che questi uomini che leggono i messaggi del mondo superno vengono percepiti come semi-divinità superiori e degni di stima sacrale e di rispetto.       

     Se questo è il bisogno naturale degli umani è facile credere in coloro  che si sono appropriati per usucapione di un potere, quello di sapienti delle cose di Dio, di coloro che controllano le porte del paradiso, promettendo il paradiso a condizioni dettate di volta in volta a chi crede e spera di salvare l’anima, anche lei postulata per fede. Disposti a dire e dare non si capisce cosa, chiedendo come corrispettivo la fede.  Il tutto transitato per mezzo della carità, che nei secoli è stata tantissima da parte dei fedeli se si quantifica la dimensione e il valore di  chiese e conventi, costruzioni e tesori in possesso di quegli uomini di religione e di preghiera  che gestiscono sulla Terra gli affari di Dio.

     Naturalmente, se si crede in Dio, per fede, si deve necessariamente credere nella casta che si è appropriata dell’idea di Dio e gestisce la religione, ovviamente, applicando anche il principio della carità, delle elargizioni in denaro concesse a chi ha bisogno, cioè alla Chiesa. Solo in questa eventualità (dopo che si misura la generosità del donatore) la Chiesa Santissima potrà raccomandare la tua anima a Dio. 

    Ma, sarà verò che Dio aiuta chi prega? Nessuna prova esiste che chi chiede aiuto ai Santi, alla Madonna, a Gesù, a Dio e a quant’altri abbia ricevuto un aiuto.  Dopo lo Tsunami che in Indonesia ha visto la morte di oltre 220.000 persone, tutto quello che ha potuto fare l’individuo “Alfa” vestito di bianco (colore della purezza) di una religione conosciuta, è stato un invito a pregare per sostenere la speranza dei fedeli. Credere che Dio è giusto e buono e il male è causato da Satana.

     Ma se il Potere Religioso ha da raccomandare l’umanità dolorante a Dio, ci viene da pensare che le preghiere dovrebbero essere recitate prima che accadano le sventure e non dopo che le sventure sono accadute. Se tanto non si verifica si consiglia di sperare, perché la Speranza, insegnano i Greci è l’ultima a morire e non costa niente.

P.S. CARITA' è termine tramontato, che va sostituito con solidarietà. Termine (quest'ultimo) che richiama il concetto di aiuto, senza sollecitare la vanagloria della persona "caritatevole". La solidarietà contiene il concetto di dovere, di impegno sociale nel venire incontro a chi chiede o ha bisogno.  Per questo, sono non poche le persone che oggi non sentono di fare atti di carità paolina. Chi fa la carità è la "Charitas".


2017/10/31

DONNA, UNA STORIA SENZA ECO il perché di questo LIBRO

Bozza

DONNA
Una storia senza eco

IL PERCHE’ DI QUESTO LIBRO

                                                                di Gino Carbonaro


    Perché questo libro? Mi si chiede.. rispondo dicendo che nasce da una constatazione e da una esigenza. Constatazione è l’aver notato che da qualche decennio si parla sempre più di discriminazione delle donne, maschilismo, femminicidi. E però, sembra chiaro che qualcosa non quadra nel rapporto uomo-donna. Rapporto che non è paritario, anzi è fortemente sbilanciato a svantaggio della donna e a tutto vantaggio del maschio. Sarà vero, mi sono chiesto? O si tratta di luoghi comuni che passano come verità non confermate da nulla? Questa la molla che ha fatto scattare il mio interesse per l’argomento.
   Quando molti anni fa mi sono interessato allo studio dei proverbi siciliani, avevo notato che in quelle sentenze la donna era oggetto principale di ogni malignità, ma soprattutto mi ero reso conto che il Proverbio (ovviamente creato dall’uomo) tendeva non poco a lacerare l’immagine della donna, sulla quale venivano scagliati vituperi di ogni sorta. Ci ridevo sopra, allora. Le asserzioni dei Proverbi mi sembravano boutade per ridere, come è stato a suo tempo per le barzellette dei carabinieri. Poi mi è sorto un dubbio. Ho pensato che quella distorsione percettiva terribile, quella discriminazione sociale contro la donna potesse essere qualcosa di molto grave, ed ho ritenuto che si potesse trattare di un reperto di archeologia culturale giunto fino a noi dalla notte dei tempi.
     Bisognava andare alla radice del problema. Andare indietro con la moviola del tempo per vedere come era stata percepita la donna nel passato. Mi rendevo convinto che avrei potuto reperire testimonianze per sviscerare il problema, per capire perché uomini di notevole spessore culturale considerano ancora oggi la donna, la sua intelligenza, la sua capacità di operare, inferiore a quella dell’uomo. Il perché di questa percezione negativa quanto assurda della donna non è spiegabile a rigor di logica. Da questa considerazione, è venuta dentro di me la urgente necessità di capire il perché di queste maldicenze scagliate contro la donna. Qualcosa dentro di me (maschio) non quadrava più. Anzi.. offendeva la mia suscettibilità, la mia intelligenza. Cominciai a supporre che più di qualcosa non quadrava neppure nella nostra cultura e nella nostra società. E ho considerato che la cultura di un popolo è come un iceberg dove i cinque sesti sono sotterranei e solo un sesto, rappresenta la parte che appare, che a sua volta poggia solidamente sulla parte sommersa. Va da sé che, in questo caso, tutta la nostra cultura poggia su quella passata che, anche se sconosciuta, continua a dettare legge dentro di noi, a condizionare i nostri comportamenti, a interferire sui nostri giudizi.
   Andando a ritroso nel tempo, ho capito che il rapporto maschio-femmina è già stato definito nella notte dei tempi dalla natura. Preistoria, dunque? Proprio così. Percezioni, quelli che l’uomo primitivo aveva della donna,  che si sono trasformati in indelebili giudizi, che sono stati trasmessi da padre in figlio, immutabili fino ai nostri giorni. Da qui si evince che il rapporto uomo-donna è stato da sempre asimmetrico, perché socialmente diversi sono stati i ruoli del maschio e della femmina. La donna fattrice, l’uomo cacciatore. La donna custode dell’habitat che bada ai figli. L’uomo cacciatore, ricercatore, che controlla e difende il territorio da animali e possibili nemici. Ruoli complementari, ma diversi.

     Procedendo su questo sentiero segnato dalla storia, si scopre che l’uomo naviga a vista, senza bussola, senza sapere dove va, senza capire cosa è vero o giusto, e cosa è sbagliato. Parla, formula  giudizi, pone sillogismi, assiomi, dogmi, che vengono pronunziati autorevolmente da qualcuno: verità che vengono accettate o credute per fede, ma in realtà l’uomo continua a navigare nel buio, senza cogliere il senso del suo errore. Semmai, solidificando quello che potrebbe essere un errore.  Ci riferiamo ai giudizi impunemente scagliati sulla  donna senza giustificato perché. Eppure, il perché è chiaro. Chi crede in qualcosa, e di questo qualcosa si è fatto un convincimento ben radicato nella mente, non è disponibile ad accettare altri punti di vista. Anzi, è portato a considerare errato quanto di nuovo e di diverso giunge alle sue orecchie, per poi rigettarlo senza ragionarci sopra.

     E’ chiaro però che questo libro si rivolge soprattutto a coloro che prima di cominciare a leggere sono disposti a cancellare dalla mente ogni possibile pregiudizio. O comunque disposti a confrontare il loro vissuto con quanto noi abbiamo riportato nella nostra ricerca, e giustificato subito dopo nelle note a piè di pagina che indicano la fonte di quanto si afferma. Sarà facile? Non possiamo saperlo.
   
  Cosa abbiamo rilevato leggendo i giudizi negativi sulla donna che ci giungono da un passato remoto? Abbiamo rilevato che la percezione della donna è stata negativa da sempre, e che la Chiesa cattolica, soprattutto, ha avuto un ruolo non secondario nel consolidare il concetto che la donna è fonte di male da perseguire. Ed è chiaro che questa realtà non può essere cancellata dal fatto che il paradiso dei Santi possa contare anche su qualche donna.

    Andiamo alla struttura del libro. In “Anteprima”, il libro riporta quanto hanno pensato e scritto i Greci sulla. Tutto negativo! Misoginia, disprezzo e violenza. A partire dal mito di Pandora. Ma, impressiona il fatto che anche Socrate ed Aristotele fra i più grandi filosofi di tutti i tempi  non capiscono la donna.      
    Dalla Grecia passiamo al  Vecchio Testamento (Parte prima) dove, fa testo il mito di Eva che ruba la mela. Anche qui la donna non se la vede bene. Sappiamo poi tutti dell’ira funesta del Creatore risentito da quella azione trasgressiva operata da Eva. Eva è capostipite di tutte le donne e di conseguenza fonte di male lei e fonte di male tutte le donne che sono mai venute al mondo. In contemporanea ci incuriosisce quello che lo stesso Dio (Allah) comunica a Maometto, a proposito della donna. Anche in questo caso i suggerimenti della divinità non sono positivi per la donna.
    Avanti nella ricerca il luminoso confronto con quello che Gesù ha detto della donna (Parte seconda). Subito dopo ci imbattiamo nei poco benevoli giudizi di Paolo di Tarso: “La donna deve tacere! Meno che mai insegnare”. Motivo? Perché la donna discende da Eva, ed è sessualmente diversa dall’uomo, che essendo maschio è simigliante a Dio.
    Subito dopo registriamo il diluvio di vituperi lanciati contro la donna dai Padri fondatori della Chiesa cattolica (Parte quarta) e  lo scontro fra la cultura Cristiana e quella Greca che avrà la peggio. La filosofia greca andava alla ricerca della verità, ma la Chiesa possedeva “una” verità che proveniva dall’Altissimo, da Dio. La religione (e i suoi ragionamenti deduttivi) impone il suo punto di vista bloccando ricerca e sapere, incendiando più volte la Biblioteca Alessandrina, assassinando Ipazia Alessandrina, che viene uccisa perché? in quanto donna andava per le strade di Alessandria da sola e “insegnava”, cioè osava parlare, e non si comportava secondo i dettami di  Paolo di Tarso.
    L’atmosfera nei confronti della donna si incancrenisce con i Padri fondatori della Chiesa cattolica (Parte settima), che continuano a predicare quanto era già stato detto sulla donna nel Vecchio Testamento e su quanto era stato ripetuto sempre da Paolo di Tarso. E per questa credenza convinta si aggrava la situazione per la donna, quando in pieno Medioevo si va alla ricerca di un capro espiatorio. Se c’è una sventura, una epidemia, un’alluvione, una morìa di animali, un aborto, tutti sono concordi nel ritenere che la causa, la vera causa, sia da ricercare in una strega, che ha causato il male. Donna o strega che bisognava cercare, trovare, giudicare, condannare ed eliminare per combattere la causa dei mali. A partire dall’alto Medioevo comincia la caccia alle streghe: donne che nulla avrebbero a che fare con la religione, ma nella mente dei santi uomini le  streghe sono tutte indemoniate creature di Satana e nemiche di Dio. Lentamente, la religione trasforma i suoi obiettivi, allontanandosi non poco dal messaggio di Gesù che viene invece disatteso, se non travisato.     
    Accade così che la storia della Chiesa attiva e cattiva  si colora di sangue. Vwedi la crociata contro gli Albigesi. L’obiettivo si inverte: non si cerca di fare il bene, ma si cerca di combattere ciò che è male: il dissenso soprattutto e quelli che la pensano diversamente. Il bene può esistere solo se verrà eliminato il male, se non ci saranno più donne, liberi pensatori ed eretici che rappresentano il male. E ancora va aggiunto che, se la donna è creatura di Satana, il sesso fatto con lei è peccato.
   Tenersi lontani dalla donna diventa obiettivo non secondario della Chiesa, mentre  in chiesa le prediche contro la donna diventano atto dovuto e continuo.  Il plagio contro la donna è possibile. Per questo si spiega perché la donna non può entrare in Chiesa, né prendere la comunione quando ha le mestruazioni. Coerentemente con le premesse, alla ricerca della santità, gli uomini di religione e di preghiera decretano unilateralmente il celibato ecclesiastico per tenersi lontano dalla donna.  
    Questi luoghi comuni, alcuni dei quali sono tuttora sostenuti dalla Chiesa, sono stati convincimenti creduti, per questo affermiamo che possono tuttora operare all’interno di ognuno di noi a livello inconscio.
       Di fronte a questi comportamenti che la nostra cultura considera assurdi, viene posta l’ipotesi che, non solo gli individui, ma anche le società possano ammalarsi: di schizofrenia (oltre che di peste e colera) e ancora di paranoia con fissazioni psico-patologiche.
     Per questo abbiamo il diritto di chiederci, come è potuto accadere che la Chiesa del passato abbia potuto accanirsi contro le donne, disattendendo il messaggio di Gesù, e come può essere che personaggi come Ipazia Alessandrina, Giordano Bruno, Galilei, liberi pensatori, e decine di migliaia di donne ancora, e di cosiddetti eretici, colpevoli solo di aver pensato con la propria mente, abbiamo potuto essere perseguitati ed eliminati dalla Chiesa nel suo millenario apostolico cammino.

       Nel mezzo di questa ricerca, però, scopriamo un personaggio chiave nella storia dell’umanità: la monaca Hildegard von Bingen (1098-1179), tedesca e donna dalla personalità strabiliante, che non accetta il dettato della Chiesa, la sua corruzione, le sue scelte, le sue non giustificate violenze. A Hildegard von Bingen, faro di luce in pieno Medioevo,  abbiamo dedicato questo libro e una parte importante del nostro lavoro. Hildegard è l’altra faccia della Luna.  
    Alla fine del tutto, chi scrive si è riservato uno spazio per trarre le conclusioni e riflettere sull’uomo e su quella che è la vita.   
 
GINO CARBONARO 
         

             

2017/10/14

DONNA, CONSIDERAZIONI A MARGINE di un libro sulla Donna

Considerazioni a chiusura del libro

Considerazioni a chiusura del libro
DONNA, Una storia senza eco
di Gino Carbonaro
   
 Tempo fa, leggendo libri che riportavano proverbi siciliani, avevo notato che tutti quelli che riguardavano la donna erano negativi. Il proverbio che più di tutti definiva la cultura siciliana di un tempo recitava..   
U masculu è meli, a fimmina è feli
Il maschio è come il miele, la donna è come il fiele
 Sentenza crudele, in quanto il maschio veniva percettivamente associato al miele dolce e dorato (e l’oro è il colore delle divinità) mentre la donna era associata al fiele, amaro e verdognolo, e il verde è il colore della decomposizione, della suppurazione e del vomito. Di seguito poi, si leggevano una infinità di proverbi nei quali veniva rilevato che la donna era fonte di male, dalla quale gli uomini avrebbero dovuto (Dio ne scansi!) tenersi alla larga. Motti, sentenze e proverbi che, guarda caso, erano in perfetta linea con quanto è trasmesso dalla tradizione biblica, paolina, e dei Padri della Chiesa. Concetti negativi a mitraglia sulla donna, poi clonati anche dalla cultura islamica.  Donna-oggetto priva di diritti, e alla bisogna disprezzata. Donna relegata (o re-clusa) in casa, che non doveva uscire fuori dal gineceo, donna che mai avrebbe potuto dire la sua opinione, donna considerata proprietà di maschi: padri, marito, fratelli.  
    A voler approfondire il perché di quelle sentenze terribili, ho cominciato la mia ricerca, e mi sono accorto che questi giudizi si potevano cogliere anche se attenuati, in alcuni filosofi greci (ricercatori del vero) del calibro di Socrate e Aristotele, mentre per il resto questa percezione della donna (tranne qualche eccezione, come il Cantico dei Cantici) riempiva di sé tutta la Bibbia e traboccava poi, consegnandosi a Paolo di Tarso, ai Padri fondatori della Chiesa, uomini passati alla storia per la loro santità e per la loro sapienza. Lì, nei libri e nelle prediche di questi uomini di religione e di preghiera, la donna era considerata creatura diabolica e causa prima di “tutti” i mali del mondo. Ed erano convincimenti supportati da miti antichi e creduti. Primo fra tutti il mito di Eva (riportato in Genesis,) che nel giardino dell’Eden, aveva colto una mela selvatica, verdognola, aspra, che lei non avrebbe dovuto toccare, perché su quell’albero pendeva un ordine categorico di Dio, che aveva avvertito Adamo del fatto che avrebbe potuto avere tutto ciò che si trovava nel Paradiso Terrestre, “tutto” tranne il frutto di quell’albero che non si doveva raccogliere, né mangiare.
     Mitologicamente, la colpa di quella trasgressione (ma, sarà poi vera la storia?) era stata fatta ricadere su Eva (su una donna, cioè) che di nascosto aveva avuto una storia (guarda un po’) con Satana, che aveva preso (chissà perché) la forma di un serpente, senza tener conto, Eva, che Satana era il nemico numero uno di Dio. Nemico! Che, come tutti sappiamo, Dio non è mai riuscito ad esorcizzare. Però, Eva aveva fatto male i conti, perché Dio si era accorto che mancava una mela dall’albero, aveva capito che era stata mangiata proprio da lei, e sempre lei ne aveva offerto un morso ad Adamo, anch’egli dimentico dell’ordine emesso da Dio. E si era arrabbiato moltissimo il re dell’universo, Dio geloso e punitivo, vecchio di rughe e di saggezza, e si era vendicato buttando entrambi i colpevoli fuori dell’Eden, costringendoli a vivere su questa Terra pregna di sofferenza e di dolore, dove il cibo è frutto del lavoro e la donna è costretta a partorire nel dolore.
Da questa mitologica premessa posta come vera e creduta per millenni, discende il convincimento che, se tutti gli esseri viventi del creato (animali compresi) conoscono dolore, violenza, ingiustizie, fame e paura della morte.. la colpa? La colpa è stata di Eva! E, per simpatia (visto che Dio ha buona memoria e punisce fino alla settima e all’ottava generazione) la colpa di quella trasgressione sarebbe ricaduta anche su tutte le donne del globo terraqueo, che avendo lo stesso sesso di Eva, e oltretutto da lei discendendo, avrebbero potuto continuare imperterrite a flirtare con Satana per provocare altri possibili mali ai maschi e all’umanità.
    La credenza, mai contestata da alcuno, di questa propensione della donna alla trasgressione e al male è nel suo DNA. E il filo del discorso non sembra fare una grinza. Ma, va aggiunto che ancora oggi nella Chiesa permangono residui di quella biblica credenza, se nel battesimo di un bambino, o di una bambina,  il sacerdote grida tre volte la formula degli esorcisti vestendo paramenti viola:Vade retro Satana!” per fare uscire dal corpo della creaturina la componente diabolica che era rimasta pur sempre presente nella carne della madre e di conseguenza tuttora presente anche nei figli. Nessuno si chiede però perché la madre dovrebbe avere ancora una presenza satanica nella carne se anche lei è stata battezzata in precedenza. E nessuno si chiede ancora perché noi tutti dovremmo avere  Satana nella nostra carne, se Gesù è venuto sulla Terra a sacrificarsi per salvare tutta l’umanità da quel peccato commesso da Eva , come ha sostenuto PAolo di Tarso.  
    In ogni caso è proprio su questa credenza-creduta per “fede” e mai scientificamente provata, che si fondano le arringhe di tutti i Padri della Chiesa contro la donna. E, fra le tante “preziosità” ritenute vere, vanno ricordate le schizofreniche asserzioni di Tertulliano, che dai pulpiti delle chiese tuonava…
                      Non sai, donna, che anche tu sei Eva?
              La condanna di Dio verso il tuo sesso permane
              ancora oggi. La tua colpa rimarrà in eterno.
E, sempre confortato dai testi sacri e dalla parola di Dio che lo illuminava dall’alto dei cieli, Tertulliano continuava le sue invettive contro la donna..
Tu sei la porta del Demonio!
Tu hai mangiato dall'albero proibito!
Tu per prima hai disobbedito alla legge divina!
Tu hai convinto Adamo, perché il Demonio
            non era coraggioso abbastanza per attaccarlo!
Tu hai distrutto l’uomo che è immagine di Dio!
A causa di ciò che hai fatto, il Figlio di Dio
            è dovuto morire!

Quest’ultima affermazione è mutuata da Paolo di Tarso:
il convincimento che Gesù si è sacrificato per i peccati dell’umanità.
Concetti feroci, agganciati a un sistema di miti fasulli, che per millenni la cultura dei tempi ha considerato veri. Ma, c’è tuttora chi continua a credere a queste cosiddette verità per stare in pace con la propria coscienza di “credente”, e poter ripetere anche agli altri: “Io sono un fedele. Io sono un cristiano che crede in tutto ciò che è scritto nella Bibbia e in quanto  afferma la Chiesa! A me… a me.. spetta il Paradiso. Mah!
Si evince così, che poggiando il tutto su affermazioni contenute nei testi sacri (e ritenute vere) si svilupparono falsi e contorti sillogismi con le loro perverse conclusioni: quelle che nel Medioevo portarono alla persecuzione delle cosiddette streghe, giustificando Tribunali di inquisizione, roghi, impiccagioni, annegamenti forzati, un tragico genocidio rivolto alla donna-causa-di-tutti-i-mali, questo allo scopo di intercettare il male del mondo (che si riteneva causato dalle donne!) ed eliminarlo (eliminando le donne!). Ma, lo strano convincimento di questa cultura era di credere che su questo argomento era Dio, non l’uomo a pensarla così. E ogni condanna, persecuzione ed eliminazione della donna-strega era voluta da Dio.  
       Il maschilismo, poi, cioè il porre l’uomo al centro dell’universo, considerandolo fonte di bene e padrone  della donna, si perde nella notte dei tempi. E si tratta di pregiudizi tuttora incardinati nel profondo della coscienza maschile in questa alba del XXI sec.
Questa è la realtà del nostro passato. Problema storico,  quello della donna. E problema non secondario delle società moderne, il cui argomento viene spesso by-passato da molti ricercatori che evitano di fare “tabula rasa”, come avverte Bacone (cancellando ogni pregiudizio) prima di dare inizio ad una onesta ricerca. Ma, il motivo è chiaro. Perché? qualora venisse accertato che la Chiesa del passato non è stata imbevuta dallo spirito del Vangelo, usando violenza contro le donne, perseguitando (... e trucidando) gli eretici, commettendo delitti imperdonabili, e genocidi come abbiamo già visto, allora, per una onesta coerenza si dovrebbe sradicare certa assurda teologia suggerendo agli addetti ai lavori di riconsiderare la veridicità di quanto riportato dalla Bibbia, avendo il coraggio di rimuovere dal Vecchio Testamento il libro del Siracìde, almeno! (così come a suo tempo hanno fatto gli Ebrei) riconsiderando il pur sempre poderoso ruolo di Paolo di Tarso (fariseo, però, come si autodefinisce lui stesso) e rivedendo la storia di personaggi ambigui come quel patriarca Cirillo di Alessandria d’Egitto (oggi santificato) che nella spietata difesa della ortodossia (la sua ortodossia!) perseguitò (leggi: fece uccidere) noviziani, ebrei e pagani, per purificare il mondo dalla infestante eresia (che non riconosceva il suo Dio) ma proprio per questo acquisendo agli occhi della Chiesa meriti enormi, fino ad essere considerato meritevole del titolo di Dottore della Chiesa (1882) con l’aureola di santità. Operazioni queste (la nomina a Santo del patriarca Cirillo) che secoli fa potevano essere realizzate dagli addetti ai lavori solo perché difficilissimo era l’accesso alle fonti, pochissime le persone che sapevano leggere e che potessero controllare la veridicità delle decisioni ecclesiali.  
       Ma, va ri-considerato ancora il valore  storico del filosofo Agostino da Ippona, che considerava il sesso peccato, e la donna (sua madre inclusa) creatura diabolica. “Era la cultura del tempo!” Può affermare qualcuno. Ma, anche con questo alibi, deve essere rispettata la verità. Bisogna dire che questa  cultura misogina, è a tutt’oggi responsabile di ogni forma di violenza sulle donne, ed è cultura del terrore che ha recato lutti, facendo giustificare i comportamenti violenti che nei secoli sono stati adottati contro la donna da una società storicamente  maschilista. E pertanto va riconsiderato il tutto, al fine di fondare una nuova e più equilibrata  teologia che riproponga il problema della donna (e il ruolo della religione) in modo giusto, per ricostruirne la immagine che la tradizione ecilaea ha fatto a pezzi.
I documenti riportati in questo saggio provano come fondando il tutto su preconcetti, gli uomini di religione hanno creduto di poter giustificare per oltre due millenni torture e persecuzione della donna. Esempio? Ipazia Alessandrina, matematica, astronoma, perfezionatrice dell’astrolabio, squartata (fatta a pezzi) dai Parabolani, cioè da fanatici cristiani del tempo, che nel nome di Cristo ne scaraventano i pezzi squartati nella discarica della città di Alessandria. Comportamento giustificato? Perché? Ipazia non si comportava secondo quanto dettava la millenaria tradizione vetero-testamentaria e, soprattutto quando aveva predicato e scritto Paolo di Tarso.
Se ogni regola ha le sue eccezioni, va evidenziato come all’inizio del basso Medioevo, la monaca Hildegard von Bingen (1098-1172) riuscirà a proporre una nuova identità della Donna, mentre recupera la eticità dell’atto sessuale, la “naturalità” delle mestruazioni, suggerendo ancora una religione meno lugubre, più a misura d’uomo, e certamente più vicina al messaggio di Gesù.
Nuova filosofia dell’esistere e diversa percezione delle Donna, proposta da Hildegard von Bingen, che un secolo più tardi verrà riproposta in Italia dai poeti del “Dolce Stil Novo”, che considerano la Donna creatura angelica (Donna Angelo) mandata da Dio, ispiratrice di poesia e conforto degli umani, non più creatura in collusione con Satana così come predicava e continuò a predicare la Chiesa ancora per secoli. Chiesa, che per ben due volte ha santificato Hildegard, bloccandone però il messaggio, e restando anche in tempi vicini a noi macchiata dall’idea che la donna debba essere soggetto da tenere alle dovute distanze dalla gestione della religione, il cui ruolo e la cui funzione è stata da sempre gestita da “sha-men” (sciamani)  di sesso maschile come si evince dall’etimo.

Nel 1962, i circa 2500 partecipanti al Concilio Ecumenico Vaticano II nel trattare il tema della “modernizzazione” della Chiesa, dedicarono la loro attenzione anche al problema della Donna, giungendo tre anni dopo, alla determinazione che “La Chiesa è fiera di avere esaltato e liberato la donna e di aver fatto risplendere (sic!) la sua uguaglianza fondamentale con l’uomo”. Mah! Sarà poi vero? Per la Chiesa il problema era risolto nel 1965. A parole. Potenza della retorica!
A queste austere “parole”, con le quale viene chiuso il Concilio, farà seguito cinquant’anni dopo la istituzione di una Commissione Teologica Internazionale nominata da Papa Francesco per riprendere il problema del diaconato femminile, che era ancora rimasto bloccato a quelle fiere esternazioni. La motivazione era nobile, perché era quella di “Valorizzare il genio della donna!” Dunque, i tempi e il linguaggio sono cambiati. Tanto è riferito all’agosto del 2016, ma non pare si abbiano ancora notizie su quanto è stato deciso dalla Commissione Teologica Internazionale, democraticamente composta da maschi e femmine al 50%. Di fatto, fra pensare-dire-e-fare, nella struttura ecclesiale c’è di mezzo un periodo di saggia e costruttiva riflessione per un problema che risulta essere il tallone di Achille della Chiesa. Difatti, se si considera che il celibato dei preti-maschi è l’unico possibile valore “per permanere nella verità in Cristo” è chiaro che una nuova e moderna “gestione” della religione che ponga sullo stesso piano uomini e donne dovrebbe considerare anche la possibilità di nominare una donna al supremo Pontificato. Diciamo una Papessa, non solo una diaconessa che a tuttora non sembra essere stata nominata. Se questo non è pensabile, ciò significa che il sesso dominante (ed escludente) quello dei maschi non intende (con-)cedere terreno all’altro sesso. Belle parole sì! Fatti no!

     Sempre più frequente oggi viene posta una domanda: “Come e perché dalla notte dei tempi la donna è stata sottomessa al maschio ed è stata considerata portatrice di male? E, ci si chiede ancora.. perché solo da pochi decenni i movimenti femministi hanno chiesto spazio, riscatto e liberazione della donna da quella cultura del passato che pure sembra tuttora covare all’interno nella nostra società?” Per avere una risposta al perché di questo rapporto asimmetrico, privilegiato dell’uomo nel suo millenario giudizio negativo sulla donna, bisogna andare indietro nel tempo e dar conto alla “fisiologia” ed alla “etologia” umana.
      Proviamo ad immaginare una famiglia arcaica che vive dieci o ventimila anni avanti Cristo. La femmina che la natura ha creato fattrice, nel suo periodo fertile può produrre un figlio l’anno. E, nel corso della sua vita può partorire anche 24 volte. Fra un allattamento e l’attesa di un altro figlio, la donna è inchiodata alla grotta, al riparo sottoroccia o alla capanna dove  risiede. Non trova tempo, non ha energia, la donna, per cercare cibo sufficiente per i suoi figli e per se stessa. Di fatto, la sopravvivenza sua e della prole dipendono dall’uomo. Dunque, i ruoli maschio-femmina sono definiti da sempre. Li ha definiti la natura. Il maschio fuori per la difesa del territorio e il reperimento del cibo, la donna vicina al suo habitat per la cura dei figli. Per questo motivo, donna e figli dipendono dal maschio. E però, si sa che il maschio-ricercatore deve nutrirsi per primo, e la ricerca di alimenti, che non è facile. La logica dice che l’uomo avrà bisogno di energie necessarie per resistere ad una giornata di ricerca e di caccia. Ma, (ipotesi) può accadere che la madre e la prole, necessitino di alimenti che l’uomo non gli fornisce a sufficienza? E’ qui che si avanza l’ipotesi che la donna sia costretta ad affinare di necessità la sua intelligenza e la sua psicologia per raggiungere il suo scopo non con la forza, ma con altri mezzi per acquisire il cibo necessario che le spetta di diritto per sopravvivere, se questo viene egoisticamente custodito dal maschio per i suoi altrettanto necessari bisogni. In quelle condizioni di necessità,  l’uomo considera le riserve alimentari logicamente sue, perché le ha procurate lui stesso, con la sua fatica, mentre la donna ritiene “sempre di diritto” che le spetta cibo sufficiente, dal momento che è stata lei ad avere il carico della procreazione e dei figli che non sono solo suoi. Se però l’uomo non dovesse cedere a quello che nelle altre specie animali è legge naturale (l’aiuto che i maschi danno alle femmine nel momento della procreazione) la donna sarà costretta ad usare ogni mezzo “sottile”, per realizzare quella appropriazione che l’uomo potrebbe considerare “indebita”.
       Se le cose sono andate come abbiamo supposto, non è da escludere che nel cammino filogenetico la femmina dell’uomo abbia potuto affinare la sua intelligenza “sottile” e diversa da quella del maschio. Intelligenza che porta a un comportamento (behavior) diverso, che l’uomo dal suo punto di vista stenta a capire. Quando però l’uomo si rende conto che ciò che gli manca  è stato preso dalla donna che gli sta accanto, la sua percezione si trasforma lentamente in giudizio che nel tempo si ipostatizza, specialmente se la donna riesce a non farsi sorprendere, nel senso che risulterà inafferrabile, proprio perché la donna comincia a fare uso di una intelligenza che l’uomo non riesce a comprendere.

    Da qui, si sviluppa il mito di Eva che per millenni spiegherà anche il problema del male nel mondo. Il tutto costruito su misura sulla donna, anche per far capire l’enorme colpa della trasgressione. Lentamente, il maschio generalizza il principio della “astuzia” della donna, ma attribuisce a Dio il mito che contiene il suo pensiero sulla donna: “Tu uomo, tu donna potrete avere tutto quello che vi concedo, ma non potrete toccare nemmeno una mela immatura, selvatica, aspra, se non sarò io a darvela, e, nel mito di Eva si incardina anche il concetto della disubbidienza della donna nei confronti del maschio-ingenuo che fissa i suoi diritti senza tenere in conto dei  diritti della donna.  

  E ancora.. se la donna riceve cibo? La donna deve in cambio diventare serva dell’uomo. Io ti do da mangiare? Tu mi servi. Guai a te se non ubbidisci! Guai a te se  toccherai una mela selvatica.
   A questo punto il limite di chi scrive (il mio) è quello di credere in questa ipotesi un po’ più di quanto non crede nel mito di Eva. D’altro canto, è chiaro che  per fissare il fatto che quello che l’uomo pensava della donna corrispondeva a verità, era necessario attribuire il tutto a Dio. Il mito di Adamo ed Eva, difatti, non è considerato un’invenzione dell’uomo, ma una verità sentenziata da Dio. Verità mitica che è purtroppo contenuta nei libri sacri della Bibbia.   

    Così, per millenni la verità riconosciuta del mito è la seguente: “La donna è infida, la donna è colei che sottrae, la donna è portatrice di male”.

    Questo giudizio millenario cambia diametralmente in questi ultimi decenni, proprio quando sono stati messi in commercio preservativi e contraccettivi. Difatti, sino alla fine degli anni cinquanta la donna sposata poteva ancora restare incinta anno dopo anno per tutto il periodo fertile.
     Io, figlio di una famiglia di fotografi, ricordo di tanto in tanto mio padre entrare in crisi quando nello  suo studio fotografico si presentavano famiglie con 18 o 20 e anche 24 figli che la non-spaziosa sala da posa riusciva a contenere a stento. E questo accadeva non poche volte in un anno. Anche questo prova che le famiglie del tempo erano numerose. Ma, questa è prova che la donna, in simili condizioni di prolificità naturale, era relegata al solo e unico ruolo di fattrice. Le cose, si è detto, cambiarono velocemente con le attenzioni suggerite dal metodo Ogino-Knaus, con l’uso di profilattici  e contraccettivi. Da quel momento, il numero dei figli viene drasticamente ridotto, mentre alla donna viene offerta per la prima volta nella storia della umanità la possibilità di concorrere ad attività lavorative che prima erano prerogativa del solo maschio. Concorrere però nel lavoro, senza che qualcuno dei maschi fosse oltremodo disposto a darle spazio. Lavoro sì, ma spazio alla donna? Molto limitato. Difatti, ancora oggi la donna trova difficoltà a fare carriera in certi campi del lavoro. Tanto si registra socialmente, mentre la cultura religiosa, e non solo, continua a fare quadrato sui miti riportati nei testi sacri, ritenuti ispirati da Dio.  E’ dunque chiaro che il problema della donna e il braccio di ferro fra i due sessi non è ancora risolto, e lunghe ombre si affollano nelle sinapsi dei nostri cervelli. Attendiamo un “riset” delle nostre menti e delle nostre culture.  

          Ma, quali altre considerazioni è possibile trarre fuori da questa nostra ricerca? Altra domanda. Scorrendo questa ricerca, quello che colpisce è la paranoia di coloro che per centinaia di anni ha, tormentato, torturato perseguitato ossessivamente la donna o anche i “diversi”, coloro sono o che pensano diversamente. E sono i motivi psicologici che qualcuno considera “logici” per cui il più forte perseguita i più deboli, gli indifeso. E’ come dire che le schizofrenie non sono oggetto di singole persone, ma anche di gruppi sociali che ritengono di avere la verità, la sola e unica verità.. Continua...