2013/07/18

Storielle. Il marocchino Abdellah e altri fatti..

Nell'estate del 2013 Lucas visita il Marocco.
Moto BMW 1200. Minah Jones lo accompagna. 
Non ha una bella impressione di certi marocchini. 

A proposito di marocchini.. 

Abdellah è marocchino e lavora con noi da anni.
Lui è musulmano. Molto religioso. Ramadan rispettato. Conosce molti passi del Corano a memoria, 
e prega tre volte al giorno (almeno). 

Io ho letto il Corano (Kouràn), e ricordavo la sura
nella quale Maometto raccomanda ai fedeli di   
pagare il lavoratore alla fine della sua giornata (di lavoro), "prima che il sudore della sua fatica si asciughi sulla sua fronte".
  
Ricordando queste parole del Profeta, una sera rivolgendomi ad Abdellah, prima di pagarlo (perché io lo pagavo ogni giorno) gli dissi: "Abdellah, Maometto ha detto che io ti devo pagare tutte le sere, prima che il tuo sudore si asciughi sulla tua fronte. Ma, siccome, tu non sudi mai, io non ti pago."

Gli vidi fare un sussulto, gli occhi gli si sgranarono brillanti, e sorridendo esclama: "Ma, tu Gino, sei furbo come un marocchino?"

Era un lapsus.  Gli era scappato come una freccia sfugge all'arciere. Capì subito di avere sbagliato. Lo lessi sul suo viso.

Con marocchini, ma anche con i nostri simili (siciliani e non) 
conviene non abbassare mai la guardia. 
   
                                                Gino Carbonaro
                                  

Storielle - Topolini di campagna

Topolini di campagna 
e miei ricordi da bambino



Ieri sera sono uscito con la Panda. Al cancello mi fermo. Scendo (dalla macchina) per aprire. Mi giro. E ho l’impressione che qualcosa sì era mosso sul davanti della macchina vicino ai fari. Torno a guardare e vedo affacciarsi un topolino che subito, vedendomi, sì ritira per nascondersi. Insomma, ho capito subito che qui in campagna con noi, ci sono dei vicini di casa a cui piace l'interno della nostra vecchia macchina. Soprattutto la parte del motore. Splendida “location” come parco giochi per i piccoli.


Confesso. Mi sono irrigidito. Mi sono infilato in macchina. Partito a razzo nella speranza di farlo saltare fuori, di spaventarlo. Ma, a prendere lo spavento sono stato io, perché subito dopo sul cruscotto si è accesa una grande spia rossa. Non c'era acqua nel radiatore. Mi fermo, apro il cofano davanti, scruto, cerco, rimuovo e noto due forellini piccoli piccoli, deliziosi, nel tubo di gomma del radiatore, dal quale fuoruscivano le ultime gocce di liquido. Ho capito subito. E, mi sono rassicurato. Nulla di preoccupante. Il topolino aveva sete. Si era dissetato. E questo era sostanzialmente giusto.


Però, di necessità, sono dovuto tornare a casa. D’urgenza.


Ma, riflettendo a mente serena, prendevo coscienza del fatto che io ho sempre amato i topolini. Da piccolo, da quando mi piaceva acchiapparli a  mani nude, per poi afferrarli per la coda con le mie ditina facendoli penzolare, mentre loro terrorizzati si sbatacchiavano con caparbietà nel tentativo (vano o possibile) di liberarsi. Ma questo durava solo qualche minuto. Poi si stancavano e si  sottomettendosi al mio potere. E io ero fiero del mio potere, di questo quasi esclusivo rapporto con i topi, perché, subito pensavo di fare il giro del vicinato. La prima vittima era Donna Imperia la lavandaia.  Bussavo alla porta.  Donna Imperia si affacciava, e con un repentino rapporto di causa ed effetto, gridando mi sbatteva con uno scatto la porta in faccia.


Ed era bello osservare il viso della buona donna. Prima un sorriso (quando apriva la porta). Subito ammutoliva. Quindi strillava, si ritirava mentre il viso si trasformava in una maschera di terrore, nel mentre sbatteva la porta sulla mia faccia. E io, dapprima immobile, poi con un sorriso sornione sui miei occhietti socchiusi, decidevo di scappare all’impazzata, correndo e saltando per la gioia.   


Poi rallentavo, mi ricomponevo, mi concentravo e tornavo a fare il giro del vicinato, mostrando il mio reperto alle altre  donne che incontravo per strada, le quali sconcertate squittivano e orripilanti si allontanavano cambiando marciapiede. A poco a poco, però, non ero più solo. Gli altri ragazzi del vicinato si accodavano per sostenere la mia  impresa e fare numero accanto a me che, invisibile mi sentivo una corona di re sulla testa.


Per caso, avevo scoperto una sorta di feticcio esorcizzante. Un topolino che,  sempre tenuto saldamente per la coda, io nascondevo astutamente dietro le spalle, per mostravo, di botto, alla zia Turina, quella che si sarebbe spaventata di più. La zia Turina apriva la vetrina dove noi bussavamo, dava uno sguardo alla marmaglia, intercettava il topo che io le mettevo sotto il naso, E subito  emetteva uno strillo, lanciato nell’aria e che la eco rimandava indietro per mescolarlo con altri strilli. ”Chi schifìu. U surci! U surci! Leviti ri ccà! Vattinni! Vativinni. Scialaratu! Scialarati”. Era veramente spaventata. ma era un gioco di bambini. Avrebbe dovuto capire.


A quella reazione, prima di fuggire insieme al branco che si era formato e che mi seguiva, centellinavo il piacere del mio sadismo. Del mio coraggio. Del mio potente dominio sui topi e di riflesso sui miei compagni di gioco. . Consapevole del fatto che il potere discendeva proprio da quel topolino. Dunque. Potere indotto.


Per questo, mi avevano appioppato un nomignolo, un  nick-name. Io ero per tutti, il “Ginu, u surciddu”.


Da allora mi è rimasta la sana passione per i topi. Questo quasi paterni bisogno protettivo per questa categoria di animali che altri non comprendono. Comunque, c’è chi ama i gatti. Chi ama gli uccellini, i cani, i serpenti. “Ognuno ha li suoi gusti prediletti”. E a me? A me dei topi piace la loro discrezione, la loro riservatezza, il modo delizioso di squittire, l’eleganza rettilinea nel correre. E poi quei dentini che rosicchiano con delicatezza tutto quello che incontrano.. il modo ingegnoso con cui ricavano una tana facendo un buco tanto-quanto anche fra le pietre. E le sculture. Proprio sculture che realizzano con i legni rosicchiati. Ma, infine, va detto, a ame piace soprattutto  il loro odore. Non è fragranza di “Chanel”, ma autentico profumo naturale di orina. Certamente acre, ma sicuramente sano. Odore, diciamo, con cui viene deodorato l’ambiente. Ed è, riconosciamolo, vanità di questi animali, far uso di profumi naturali.  


Ora, mi chiedo? Che fare con questo topolino che è nel motore della mia macchina? Lo prendo? Lo porto in casa? Lo adotto o lo inghiotto? o prima lo cucino, lessato o arrostito. o nel toast del mattino?


Gino (il) Carbonaro

gino.carbonaro.italy@gmail.com